I Colori di Cinquino.net
 FIAT 208 Giallo Positano
 FIAT 243 Bianco Aurora
Login
FOTO DALLO SHOWROOM
Recenti dal forum
- Come ottenere lo sconto del 5% su EmporioBigatti?
da: Lunadix


- Ecco la mia auto...
da: Stefano Pirazzoli


- Saluti da Roma...
da: Siro Sempio


- Nuovo ma non proprio cinquecentista...
da: alexettor


- tubi benzina...
da: Nick85


- Problemi gioco valvole...
da: Siro Sempio


- Incontro Settimanale Milano Nord/Va...
da: alexettor


- Ciao dal Vallese...
da: Nick85


- Ecco la mia Peppina...
da: alexettor


- Un saluto a tutti...
da: alexettor


- kit fari 500...
da: Nick85

Classifica
Utente Punti
1) alexettor 118225
2) omas 44108
3) borghillo.s 43903
4) vik 31406
5) fab64 30913
6) coplen 28144
7) Piero595 24548
8) Massimo la Falce 23937
9) ape20ff 22479
10) Riccardo51 19467
vai al concorso...
Statistiche
Utenti registrati: 12661
Ultimo iscritto:
Alessandro Cara

Utenti Online 0


Visitatori Online 12




 Tutti i forum
 GIRIAMO IL MONDO IN CINQUINO
 Viaggi e Giornate particolari con il Cinquino
 Faccioli e il bello delle corse dell'epoca

Nota: Devi essere registrato per rispondere al messaggio.
Per registrarti, clicca qui. La registrazione è GRATUITA!

Nome utente:
Password:
Formato: GrassettoCorsivoSottolineatoSbarrato a SinistraCentratoa Destra Riga orizzontale Inserisci un indirizzo web (HYPERLINK)Inserisci indirizzo email (EMAIL)Inserisci un'immagine (IMAGE) Inserisci del codice (CODE)Inserisci una citazione (QUOTE)Inserisci elenco
   
Messaggio:

HTML non è attivo
Il codice su forum è attivo
Faccine
Felice [:)] Molto Felice [:D] Caldo [8D] Imbarazzato [:I]
Goloso [:P] Diavoletto [):] Occhiolino [;)] Clown [:o)]
Occhio Nero [B)] Palla 8 [8] Infelice [:(] Timido [8)]
Scioccato [:0] Arrabbiato [:(!] Morto [xx(] Assonnato [|)]
Bacio [:X] Approvazione [^] Disapprovazione [V] Domanda [?]

 Allega una immagine - (se non sai come allegare un immagine clicca qui)

 

R E V I S I O N E     D E L L A     D I S C U S S I O N E
Nick Inviata - 03 October 2011 : 12:54:09
Buongiorno, qualcuno sa darmi notizie di questo preparatore Bolognese anni '70
Grazie, ciao, Nick.
20   U L T I M E      R I S P O S T E    (Ultimi inserimenti)
markzanna Inviata - 03 January 2022 : 15:40:40
Citazione:
Originariamente inviato da fireball

Per vedere le immagini a dimensioni ottimali effettuare il login!
Questa è una Giannini 500 Gr.2 500 del periodo 66-69 (preparata da Carlo Castelli di Roma di cui si vede il logo sul fianco). Le Giannini 500 praticamente erano tutte uguali, anche i cerchi che si vedono, i famosi bimetallici Borrani 4"x12", erano gli unici omologati, in alternativa a quelli originali Fiat 500 di lamiera. Quanto agli scarichi, tra il 66 ed il 69 dovevano conservare il collettorino in ghisa ed il primo colletore di lamiera fino al punto di innesto con il silenziatore. Da quel punto era totalmente libero. Ogni preparatore aveva un suo sistema che, sostanzialmente, consisteva nell'eliminare il silenziatore, prolungare i collettori fino a riunirli con la stessa lunghezza e con meno curve possibili (com'è nella logica)e per attaccare lo scarico al motore con vari staffaggi a secondo se lo scarico usciva lateralmente o dietro; il più semplice, se vogliamo, era quello di mantenere il cilindro originale del silenziatore, il che consentiva pure di utilizzare le staffe originali, e, dopo averlo aperto e svuotato completamente, vi si facevano passare i tubi dentro fino a farli riuscire lateralmente riunendoli poi con uno scarico unico dopo avere ricomposta con saldature il cilindro.
Dopo il 70, invece, lo scarico divenne totalmente libero il che rese possibile adottare sia il diametro che la forma ritenuta più utile dei collettori a partire dalla testata e si cominciarono a vedere anche le staffe di alluminio per attaccare la parte terminale dello scarico al motore. I sistemi divennero meno "rudimentali" perché negli anni precedenti anche piegare un tubo come si deve era stata un'impresa, pur tuttavia non mi sembra di ricordare che si sia arrivati allora ad eliminare i collettorini in ghisa (permesso dal regolamento)che è una conquista dei giorni nostri dato che ci sono varie ditte che fabbricano "scarichi corsa", che però, come detto, debbono avere il silenziatore, tant'è che si sono abbandonate quasi totalmente le staffe in alluminio e si è tornati, in sostanza, al sistema di attacco al motore con il "cilindro" e le staffe simile a quello originale Fiat. Tuttavia anche oggi ci sono preparatori che preferiscono realizzare lo scarico (e non solo)in proprio e, talvolta si vedono delle conformazioni originali come quella usata da Lavazza che è già diventata oggetto di più di un'imitazione.
Per vedere le immagini a dimensioni ottimali effettuare il login!
Questo è Cesare Piccioni alla Coppa del Chianti Classico del 2009 in uno dei passaggi più spettacolari della salita senese.

Toivonen Inviata - 13 March 2019 : 20:05:30
(questo topic non può e non deve "morire"!)
Toivonen Inviata - 13 March 2019 : 20:04:28
ma poi... come è andata a finire col motore dell'opener?
dario romoli Inviata - 22 October 2017 : 16:57:38
Citazione:
Originariamente inviato da axxle51

Scopro solo ora il vostro eccellente forum. E’ dedicato alla mia vera malattia, 500 e derivate da corsa. Ho oltre i sessant’anni e dal 65 in poi ho assistito a molte gare dovunque in nord Italia.
Se posso esordire intromettendomi, la foto di Piero Lavazza, che qui vedete in originale, non riprodotta da un giornale, è tratta dalla serie di gare ad inseguimento che si tenevano alla pista di kart della Cerrina, dalle parti di Torino, senza regole se non la cilindrata delle varie classi. In questa gara Lavazza si limitò a levare i sedili, in seguito levò anche entrambi i cofani a scopo alleggerimento. Potete vederlo,se non ricordo male, su un numero di Autosprint del ’70.
Questa foto mostra anche il sedile Fusina mod. Mugello. Veniva usato dalla più parte dei piloti dell’epoca, perché particolarmente leggero (meno di 4 Kg) e quasi comodo. Qualcuno, almeno qui a Brescia, come
Pal-Vox a caccia del limite di peso, sulla sua 500 Cevenini usava persino un sedile da kart.
Sempre se non ricordo male il peso in fiche era 500kg ma il peso effettivo era almeno 600kg a vuoto.


Per vedere le immagini a dimensioni ottimali effettuare il login!

Per vedere le immagini a dimensioni ottimali effettuare il login!

dane500 Inviata - 08 February 2016 : 19:10:20
Citazione:
Originariamente inviato da fireball

<blockquote id="quote"><font size="1" face="Verdana,Arial" id="quote">Citazione:<hr height="1" noshade id="quote">Originariamente inviato da Chiuritusu

si, 4candele.. Due a cilindro, vidi qualche esemplare di testata con le candele montate una affianco all'altra, ovviamente tappando il vecchio foro e praticandone altri due...

Quella che segue è la testata di a cui si riferisce Chiuritusu ma alla quale mi riferivo anche io e che ho tratto dal sito di un preparatore che a suo tempo ha corso pure in 500 Gr.2 con auto preparate da altri.
Per vedere le immagini a dimensioni ottimali effettuare il login!
Come posizione degli iniettori è somigliante a quella di Adolfo... però le due candele accoppiate con quella modalità presuppone l'uso di saladature che per regolamento non erano ammesse in Gr.2 nel perido 70-75, ed in quegli anni il Gr.5 non comprendeva le derivate dalla serie come invece poi sarebbe avvenuto nel successivo periodo 76-81. Quindi la testata di Adolfo o doveva avere 2 candele oppure, come è poco probabile, 4 candele, di cui 2 lasciate nella posizione originale e 2 aggiunte con un foro praticato dall'esterno alla camera di scoppio ma in una posizione diversa da quella della candela originale. Può darsi pure che quelle 4 bobile che si vedono sul canco attiguo a quello dove è montato il motore fossero lì installate per provare all'occorrenza motori a 4 cilindri. Come può darsi che la stessa testata sia stata poi modificata con la doppia accensione in seguito all'entrata in vigore del Gr.5 76-81 perché quell'inserimento di iniettori non mi sembrerebbe alla portata di tutti.
Per vedere le immagini a dimensioni ottimali effettuare il login!
Questa, invece, è la famosa testata Abarth 206K, e relativo collettore, che la casa torinese produsse e commecializzò poco prima dell'acquisizione della Fiat. Purtroppo però non venne mai omologata in Gr.2, come invece avvenne per la radiale, e, pertanto non è possibile montarla sulle 595 o 695 per correre in Gr.2 (ovviamente neanche sulle 500cc). Invece, sarbbe possibile usarla nel Gr.5 76-81 dove la testata è libera. E' una testata che, comunque, viene riprodotta ed usata da altri preparatori perché le rare originali, vengono vendute a prezzi spropositati perché non mancano mai gli speculatori e neanche i feticisti che, pur non avendo auto su cui installare certi pezzi preferiscono tenerseli in una teca, quando, invece, dovrebbero rimmetterli in circolo, a prezzi ragionevoli, e alla portata di chi, detenendo le auto su cui installarli, potrebbe valorizzarli meglio.
[/quote]
RickyA87 Inviata - 04 March 2015 : 16:52:36
Chiedo all'amministratore di cancellare il messaggio precedente e questo, nel fare il login da google mentre cercavo delle immagini ho combinato questa cavolata..
RickyA87 Inviata - 04 March 2015 : 16:50:32
Citazione:
Originariamente inviato da fireball

Sedili Fusina ed Esap
Per vedere le immagini a dimensioni ottimali effettuare il login!
Primo tipo del sedile Fusina
Per vedere le immagini a dimensioni ottimali effettuare il login!
Volanti prodotti dalla Fusina che commercializzava accessori e strumentazioni di vario tipo.
Per vedere le immagini a dimensioni ottimali effettuare il login!
Sedile Fusina bicolore
Per vedere le immagini a dimensioni ottimali effettuare il login!
Sedile bicolore montato su un'Abarth 595
Per vedere le immagini a dimensioni ottimali effettuare il login!2° tipo di sedile anatomico Fusina.
Per vedere le immagini a dimensioni ottimali effettuare il login!
Sedile anatomico della Esap, anche questo un ottimo usato da molti piloti (anche sulla Giannini n.102 di sopra).
Per vedere le immagini a dimensioni ottimali effettuare il login!
Roberto Fusina, in abbigliamento da gara... all'interno della sua Abarth 595 con la quale disputò alcune corse nel 65 prima di dedicarsi completamente alla sua attività commerciale. Si nota in basso un manometro dell'olio VDO.
Per vedere le immagini a dimensioni ottimali effettuare il login!
L'Abarth 595 di Fusina alla Vezzano-Casina: nel 65 si classificò 7° nel Campionato Italiano Classe 600 Gr.2. In salita le Gr.2 in quegli anni dovevano conservare i paraurti.
Torniamo agli scarichi.
Per vedere le immagini a dimensioni ottimali effettuare il login!
Scarico realizzato dall'Abarth che era di ottima fattura e inserito dall'Abarth nel catalogo degli accessori corsa della 595, insieme ai freni a disco ed altri; tuttavia molti preparatori preferivano realizzarlo artigianalmente da soli e anche i freni a disco vennero poco usati perché non davano un vantaggio reale.
Passiamo al periodo 66-69 in cui molti scarichi furono realizzati mantenendo il "cilindrone di lamiera" del silenziatore: qui alcuni esempi di Abarth 595 e 695 che, con il cofano aperto, mostrano meglio come veniva elaborata la classica marmitta Abarth.
Per vedere le immagini a dimensioni ottimali effettuare il login!
Scarico realizzato dal preparatore piemontese Garavello nel 66 su una 595 su base F (costretta al ritiro per una toccata alla Coppa Carri a Monza).
Per vedere le immagini a dimensioni ottimali effettuare il login!
Abarth 695 di Luciano Lazzari impegnata alla Caprino-Spiazzi del 68.
Per vedere le immagini a dimensioni ottimali effettuare il login!
Abarth 695 di Salvatore Tornatore, alla Rieti-Terminillo del 70. Erano entrati in vigore i nuovi regolamenti, che davano ampia libertà per i collettori si scarico, però per un paio di anni, alcuni preparatori, continuarono ad adottare ancora alcune vecchie soluzioni.
Per vedere le immagini a dimensioni ottimali effettuare il login!
Qui, invece, siamo ormai nel 74 e le nuove soluzioni si sono fatte strada. Questo è il motore della 695 di Aldo Fina opera di un altro quotato preparatore che in quegli ottenne molti successi: Giovanni Saccone. Il preparatore palermitano aveva molte soluzioni originali, tra cui il collettore di aspirazione e l'equilibratura ma anche lo scarico che in seguito commercializzò e che si contraddistingueva per un breve terminale a sezione schiacciata fissato alla staffa di alluminio.
Per vedere le immagini a dimensioni ottimali effettuare il login!
Motore 695 dei Adolfo Romani con lo scarico che conosciamo già, anche se con sezione dei collettori più grandi rispetto a quelle necessarie per la 500 Gr.2; per il resto si nota un sietema di iniezione con pompa meccanica che il preparatore bolognese sperimentò ma che si vide poco in pista.
Per vedere le immagini a dimensioni ottimali effettuare il login!
Dal 73 in poi, fu anche possibile comprare scarichi già pronti tra quelli realizzzati e commercializzati da alcuni preparatori (Vaccari, Montagna, Saccone) ma anche di industrie specializzate nel settore che, evidentemente, avevano fatto proprie le soluzioni più razionali che si erano imposte nei primi anni 70 e che ancora oggi sono quelle che danno più affidamento. Questo è quello dell'ANSA.

clod Inviata - 07 February 2015 : 21:37:18
L'ultima volta pero' hai cotto bene}
THOR Inviata - 03 January 2015 : 13:21:44
eheheh magari almeno sapevo cucinare un po' meglio
mimidiroma Inviata - 03 January 2015 : 13:08:57
Ciao Thor, ti sei tradito.....fai il ristoratore...
THOR Inviata - 03 January 2015 : 09:40:03
io mi ricordo, che usavo il blendzall, olio per motori a 2 tempi nel 1992... ricinato ogni vola che passavo lungomare nel mio paese, i miei amici dicevano che il mio motorino odorava di patatine fritte
mimidiroma Inviata - 03 January 2015 : 09:12:36
Ciao, l'olio "ricinato" eccellente per qualità e di gradevole profumo alla pari di uno Chanel 5 avena una particolarità di essere corrosivo per i motori, specie se trattenuto a lungo nella coppa olio, forse variava la sua bontà mescolandosi con gli idrocarburi, quali la benzina e i residui della combustione.
Meglio usato come additivo nei motori a 2 tempi.....
Mi ricordo di averlo usato sulla mia 500 molti anni fa, prodotto dalla Kastrol come additivo per un olio di sua produzione, se ne consumava di più, e quel fumetto profumato inebriava gli intenditori......
michelepie Inviata - 02 January 2015 : 22:17:37
Citazione:
Originariamente inviato da adriano.casoni

-----I ricordi di Macovince mi riportano alle competizioni motociclistiche ed automobilistiche degli anni 50-70, con grande nostalgia.Giustamente, come dice il mio coetaneo,l'olio di ricino consentiva un ottimo ed elevato potere lubrificante sia alle basse che alle alte temperature(consentendo di "tirare" da subito) e lo si usava comunemente come additivo per la preparazione delle miscele nei due tempi che nell'olio lubrificante dei 4 tempi consentendo un ottimo elemento lubrificante.Qualcuno,per aumentare l'untuosità di benzine molto secche,lo utilizzava anche nei 4 tempi aggiungendolo in piccole percentuali alla benzina appunto.Comunque era una vera dose di narcosi allorchè si assisteva a competizioni dell'epoca.Ricordo che a Monza,terminata la gara,il caratteristico "profumo" rimaneva a lungo in tutto il parco,quasi a voler prolungare la competizione.In alcune gare a lunga percorrenza su strade statali, come ad esempio la Milano-Taranto,era proibito l'uso dell'olio di ricino.Un vecchio concorrente Bolognese, Buganè,mio vicino di casa,mi svelò uno strattagemma usato dai piloti per aggirare i controlli alla partenza.Dato che l'odore era il nemico numero uno,si trattava di partire senza...l'aggiunta.Fissavano con nastro adesivo una fiala di vetro contenente olio di ricino sotto al coperchio del serbatoio,il quale si sollevava azionando una leva,ed il coperchio si apriva in tutta la sua ampiezza.Superato il controllo alla partenza,giunti fuori dall'abitato e senza fermarsi per non destare sospetti,e perdere tempo prezioso,davano un colpo sul coperchio,la fiala cadeva rompendosi e miscelando l'olio al carburante.

Nick85 Inviata - 20 August 2012 : 11:33:53
toioven, speriamo che qualcuno abbia quello che cerchi
Toivonen Inviata - 18 August 2012 : 08:49:17
ragazzi nessuno può aiutarmi? vi posto l'immagine completa,io cerco foto della vettura di sopra
Per vedere le immagini a dimensioni ottimali effettuare il login!
adriano.casoni Inviata - 18 July 2012 : 16:22:29
-----I ricordi di Macovince mi riportano alle competizioni motociclistiche ed automobilistiche degli anni 50-70, con grande nostalgia.Giustamente, come dice il mio coetaneo,l'olio di ricino consentiva un ottimo ed elevato potere lubrificante sia alle basse che alle alte temperature(consentendo di "tirare" da subito) e lo si usava comunemente come additivo per la preparazione delle miscele nei due tempi che nell'olio lubrificante dei 4 tempi consentendo un ottimo elemento lubrificante.Qualcuno,per aumentare l'untuosità di benzine molto secche,lo utilizzava anche nei 4 tempi aggiungendolo in piccole percentuali alla benzina appunto.Comunque era una vera dose di narcosi allorchè si assisteva a competizioni dell'epoca.Ricordo che a Monza,terminata la gara,il caratteristico "profumo" rimaneva a lungo in tutto il parco,quasi a voler prolungare la competizione.In alcune gare a lunga percorrenza su strade statali, come ad esempio la Milano-Taranto,era proibito l'uso dell'olio di ricino.Un vecchio concorrente Bolognese, Buganè,mio vicino di casa,mi svelò uno strattagemma usato dai piloti per aggirare i controlli alla partenza.Dato che l'odore era il nemico numero uno,si trattava di partire senza...l'aggiunta.Fissavano con nastro adesivo una fiala di vetro contenente olio di ricino sotto al coperchio del serbatoio,il quale si sollevava azionando una leva,ed il coperchio si apriva in tutta la sua ampiezza.Superato il controllo alla partenza,giunti fuori dall'abitato e senza fermarsi per non destare sospetti,e perdere tempo prezioso,davano un colpo sul coperchio,la fiala cadeva rompendosi e miscelando l'olio al carburante.
Toivonen Inviata - 18 July 2012 : 10:57:24
precisamente...penso che la macchina fosse in realtà una 695,in quanto Garavello differenziava le vetture "per classe" proprio cambiando il colore del muso(ho visto due foto di abarth 850-1000 e la 1000 aveva il musetto giallo)

la macchina in questione è questa
Per vedere le immagini a dimensioni ottimali effettuare il login!
Toivonen Inviata - 15 July 2012 : 16:57:03
ciao a tutti...mi riprometto di rileggere tutte le 27 pagine del topic...
avrei una richiesta...

avete per caso foto della abarth 595 preparata Garavello con cui Enzo Amighini corse a Vallelunga?
la vettura aveva la classica livrea Garavello multicolore...muso giallo,tetto rosso,laterale blu...grazie a tutti!!!!
macovince Inviata - 16 November 2011 : 19:24:09
Citazione:
Originariamente inviato da Nick

...Per quanto concerne "l'odore " l'ho sentito ...


L'olio di ricino io lo usavo fin dai tempi del motorino Mondial 75cc.
Una volta sono andato a trovare un amico in un paese vicino al mio, quando me ne sono andato ho lasciato una scia intensa di odore, tanto forte che sua madre sofferente d'asma è stata male per due giorni di seguito.
fireball Inviata - 16 November 2011 : 19:14:02
Citazione:
Originariamente inviato da Nick
Per quanto concerne "l'odore " l'ho sentito dopo tantissimi anni di nuovo alla storica di Erice, forse è ammesso mettere l'olio di ricino, oppure era allo slalom, non mi ricordo! a presto con i particolari, ciao da Nick.

L'olio ricinato viene prodotto e venduto anche oggi da varie industrie, tra cui la stessa Castrol, il cui R30-40 è stato, forse, il più famoso a suo tempo.
Anzi un motore Faccioli bisognerebbe proprio lubrificarlo con tale tipo d'olio.

Cinquino.net by Emporio Bigatti © Diego Lunadei Vai ad inizio pagina
  Snitz Forums 2000

E' vietata qualsiasi riproduzione, anche parziale, di fotografie, disegni e testi senza l'autorizzazione scritta di Cinquino.net

Privacy Policy